Opening Hours: Weekdays 8.00-17.00
Uncategorized

Meniere's disease

Meniere's disease (Meniere's disease) is a disease of the inner ear, characterized by attacks of vertigo, hearing loss and phantom sounds (tinnitus, "ringing in the ears"). If these three symptoms occur together, we speak of the Triassic of Menière. The causes of Meniere's disease are unknown. There are some methods of treatment that can favorably influence the course of the disease, but sometimes they are controversial.

The disease usually occurs between the 40th and the 60th year of life and affects women slightly more often than men.

The name dates back to the French ear specialist Prosper Menière (Paris, 1799-1862), who first described the symptoms in 1861 and assigned them to the inner ear (with hearing and balance organ).

Personality of the patient Meniere

Because micro-metabolism in the inner ear is very complex and under the influence of the autonomic nervous system, stress and mental stress are repeatedly mentioned as possible contributing or triggering factors. This coincides with the image of the frequently observed personality of the Meniere patient, who is often characterized by a tendency to ambition and perfectionism, namely the risk of putting himself under excessive pressure.

Therapy

Betahistidine and anticoagulants such as Ginkgoflavonids are often used for the vestibular microcirculation.

For the framework of mental stress can be used mild sedative or sedative or supplements based on the amino acid L-Tryptophan which is metabolized in Serotonin and then in Melatonin. Serotonin has a calming effect and melatonin promotes

 

 

Mucolytic Catarrh - Antiedemigenous Rino and Befaroplastica

Serratiopeptidase is the silkworm enzyme that produces with the help of an intestinal bacterium. The caterpillar benefits from this so-called "protease", ie an enzyme that breaks down the enzyme. It allows it to dissolve and fly away from the cocoon in which it is trapped. Serratiopeptidase has many beneficial effects on humans as it removes dead tissue and harmful deposits naturally. Other proteolytic enzyme is Bromelain extracted from the stem of ananas comosus.

Serratiopeptidase and Bromelain has been used successfully in Europe and Asia for over 30 years.

These proteolytic enzymes show effects on several levels:

  • the enzyme decomposes bradikinin, which is highly involved in inflammatory reactions. This strong anti-inflammatory effect helps the unpleasant effects of inflammation.
  • It acts as fibrinolytic, ie dissolving blood clots.
  • Dissolves the mucus, which holds together large amounts of bacteria.
  • Unlike conventional painkillers and anti-inflammatory drugs, such as salicylates (aspirin), ibuprofen and steroids (cortisone) do not have long-term side effects.

 

Positive effects of Serratiopeptidase and Bromelina

- Cardiovascular problems, arteriosclerosis: arteriosclerotic deposits and vein plaques are split by Serratiopeptidase and Bromelina; they help to prevent and reduce varicose veins

- Rheumatoid arthritis: Serratiopeptidase and Bromelain keep the inflammation of the joint under control and reduce the typical discomfort.

- Fibromyalgia: Serratiopeptidase and Bromelain can help reduce pain.

- Cystic fibrosis mastopathy: the chest hardening is dissolved, excessive milk production is prevented

- lung problems, asthma, bronchitis: bronchopulmonary secretolysis and excretions, the persistent mucus is liquefied and can be expectorated, at the same time, the production of mucus is diminished. With the mucous secretions the bacteria contained in it can be removed. But the Serratiopeptidase and Bromelain also attack the biomembranes of the bacteria so that antibiotics and our immune system can destroy the germs more easily

- sinusitis, laryngitis, sore throat, earache: Serratiopeptidase and Bromelain also acts here against phlegm (bacterial) and against inflammation

- Surgery: the pain of the wound disappears faster in the healing process when greenhouse peptidase is administered. The scar is softer due to its anti-fibrosis effect.

- chronic intestinal inflammatory diseases such as Crohn's disease and ulcerative colitis can be improved

- Injury: Serratiopeptidase and Bromelain help against swelling (edema), as it improves vascular permeability and removal of excess water from tissues

 

  1. Immunostimulant for recurrent diseases of the respiratory system

Respiratory diseases are among the most common ailments in humans. Basically, it is possible to differentiate upper and lower respiratory tract diseases as well as acute and chronic diseases.

Respiratory diseases are prominently represented in all public health statistics, they are the second most frequent cause of work lost in Germany and the second leading cause of death worldwide. Asthmatic respiratory diseases and COPD, each with about 7 million patients, are among the common diseases in Germany.

 

Furthermore, respiratory diseases are among the most common diseases. The annual incidence of viral or bacterial pathogens affects almost everyone. Such acute respiratory tract infections spread rapidly and cause flu episodes in the cold season.

Respiratory diseases are inflammatory in most cases. The reason for this is obvious: the respiratory tract is an open system, in which the respiratory tract and pollutants penetrate through breathing in addition to vital oxygen. Therefore, e.g. Dust, smoke, bacteria and viruses in the respiratory tract, where they can cause inflammation.

Some people are born with a genetic defect that causes a particularly hard mucus. These patients suffer from cystic fibrosis.

Respiratory diseases can be substantially differentiated according to the position of the disease. In the upper respiratory tract, it is mainly the different types of sinusitis that are causing problems for many patients.

Sinusitis is an inflammation in the cavities attached to the nose - the paranasal sinuses. Cause are usually bottlenecks in the area of the entrance from the nose to the breasts. They can interrupt the natural flow of the mucus so much that surgery is needed to eliminate bottlenecks.

For permanent inflammatory loads in the upper respiratory tract and a floor change is to be feared. A change in level occurs when an infectious event is transmitted from the upper respiratory tract to the inferior one. Today, this synergistic syndrome is believed to be often involved in the development of chronic inferior respiratory diseases.

In the lower respiratory tract, bronchitis is the most common form of the disease. In the process, the mucous membrane in the bronchial tubes becomes inflamed and the production of mucus increases. The chronic form of bronchitis, which is often found in smokers, carries the risk of switching to COPD or chronic obstructive bronchitis. It is characterized by a progressive narrowing of the respiratory tract.

Acute respiratory tract infections such as bronchitis, sinusitis or rhinitis or their mixed forms are not uncommon. The cold, cough and sore throat are among the typical protagonists of such an acute event, which usually occurs after 1-2 weeks.

However, if there is a constant load, chronic respiratory diseases can also develop. Cigarette consumption, allergies or pollution at work are the most common causes of chronic respiratory events.

The symptomatic therapies used are:

- Mucolytics: such as Acetylcysteine or enzymes such as Serratiopeptidase and bromelain which are also characterized by a marked anti-inflammatory activity.

- Immunostimulants: as plant extracts (eg Echinacea) or some minerals (eg Zinc)

- Antioxidants: such as Vitamin C or lipoic acid

Proantin

Uncategorized

Lymphedema after Mastectomy

Lymphedema is a visible and palpable fluid accumulation in the interstitium (intercellular space). It is caused by mechanical failure of the lymphatic system, so that the interstitial liquid can no longer be removed sufficiently through the lymphatic vessels. This leads to the reflux and accumulation of liquid in the intercellular spaces (edema). In addition to the limbs, the face, neck, trunk and genitals may also be affected. Lymphedema is a symptomatic description, not a diagnosis.
The cause of accumulation of the fluid and therefore edema is due to cell damage that occurs for example in the case of an inflammation or damage from surgery. In these cases inflammatory molecules are released, which accumulate in the interstitial spaces and attract water. Under normal conditions this liquid can be reabsorbed well when the drainage of the lymphatic system works well.
The different stages of lymphedema are subdivided into various stages listed below:
Stadium 0
Stage Latency (subliminal edema): no symptoms still appear.
Stadium 1
Reversible stage: edema with high protein content, few, small, localized tissue changes. The edema is still soft, can be easily pressed with the finger creating a "dent".
Elevating the limb (where possible) reduces the swelling to a certain extent.
Stadium 2
Spontaneously irreversible phase: in this phase the fibrosclerotic changes and the proliferation of fat tissues occur. The edema is more pronounced and does not respond (reduces) more to the raising of the limb. Pressing with the finger leaves no or very superficial dent in the skin.
A distinction is made between primary and secondary lymphedema.
In the primary (rare) form, the lymphatic vessels and / or lymph nodes are not, or are only partially malformed, due to a developmental disorder. Whole extremities or body regions can be affected here. The complete absence of the lymphatic vessels of a region of the whole body is not compatible with life and leads to death in the womb or shortly after birth.
There are also congenital forms (hereditary lymphedema), such as Milroy's disease and Meige's disease, previously called Nunner-Milroy-Meige syndrome.
In secondary lymphedema (majority of cases), drainage pathways are mechanically inadequate due to pathological changes such as:
- B. Tumor diseases, trauma, lymphangitis (inflammation from viruses, bacteria, fungi, parasites, etc., in rheumatic diseases), chronic venous insufficiency (CVI), diabetes mellitus, or due to surgery such as, surgical scars, irradiation radiology, removal of lymph nodes after tumor removal, venipuncture for bypass surgery.
Therapy
The therapy of choice is Complex Physical Decongestion Therapy (KPE).
The following are summarized:
- Manual lymphatic drainage: manual lymphatic drainage is a special drainage technique that softens lymphoid tissue and lymph nudged towards the abdomen and thorax area and vice versa without increasing blood circulation. With a variable pressure, the skin and the subcutaneous adipose tissue are drained. With special grips, the therapist stimulates the correct movement of the lymphatic vessels, thus favoring the transport of the lymph. With a consistent application - depending on the severity one or more times a week - the volume of the edema is reduced. The therapeutic effect lasts for approximately 24 hours. Therefore, a compression must be added
Compression treatment:
Lymphatic drainage of the machine: special lymphatic pumps are connected to the boots of the legs or to the cuffs of the arms. The sleeves, which have different air chambers, are then pressurized. The lower chamber has the highest pressure. Then begins a cycle in which the chambers are inflated in sequence.
Skin care
Compression bandages / compression stockings: Compression bandages are used to wrap the affected arms or legs. The external pressure supports the removal of the lymphatic fluid and therefore the breaking of the lymphatic backlog. In addition to compression bandages, the professional bandage also includes padded cushions and padded foam padding. If the inclination of the swelling decreases, the bandages can be replaced by compression sleeves or stockings. These are specially made gloves, compression sleeves or leg stockings made of solid flat knit material, suitable only for the treatment of lymphedema and not for those of venous diseases.
Movement therapy during compression: regular exercise promote lymphatic flow and reduce lymphatic blockage. Compression bandage or socks are worn to increase the effect of decongestion exercises. The therapist develops a program of exercises suitable for the patient based on where the lymphedema is located.
Moreover, in the context of super microsurgery, lymphatic drainage can be restored and therefore permanently the lymphatic water deposits are reduced.
Therapy with food and pharmacological supplements
Coumarin as well as other flavonoids such as troxerutin have shown a remarkable draining effect both in mastectomy lymphoedema but also in the lymphedema of venous diseases.
Doses of coumarin from 4 to 40 mg have shown already appreciable clinical improvements. Doses of 100 mg of coumarin or 300 mg of Troxrutrine have been able to give a marked improvement of the edematous status with a significant improvement in the patient's quality of life. Coumarin for a localized coadjuvant therapy can also be given locally due to its considerable absorption through the skin. Cumarin and troxerutin at listed doses favor the destruction of proteins accumulated in the interstitial fluid, the primary cause of lymphedema.
On the other hand, treatment with diuretics alone initially reduces the volume of the vascular fluid. The oncotic attraction of plasma accumulates only briefly and does not positively change the protein concentration of edema. Thus a yo-yo effect is observed. To achieve the desired action of the diuretic constantly, it is necessary to act against the proteins accumulated in the interstitial liquids.

a) Radiotherapy (action against free radicals, protective, antioxidant)

Radiotherapy is the medical application of ionizing radiation to humans and animals to treat or delay the progression of the disease. Radiation can come from radioactive equipment or preparations. The areas of specialization for this special application of electromagnetic waves are radiotherapy and radiology.
As ionizing electromagnetic beams, mainly gamma radiation, X-rays and electron beams are used. In recent years, treatment facilities have been built with neutrons, protons and heavy ions (often carbon ions). Non-ionizing radiation such as microwaves and heat radiation, light and UV therapy and ultrasonic wave treatment are not assigned to radiation therapy.
Radiotherapy includes the treatment of benign and malignant diseases and is performed by specialists in radiology or radiotherapy with the assistance of specialized personnel

Action mechanism
The effect of irradiation is based on the transfer of energy to the irradiated tissue in the dispersion processes. The radiation is directed on the biomolecules that are essential for cell growth as in the case of tumors.
Free radicals resulting from the destruction of Biomolecules are highly toxic and react chemically with cellular components. The damage resulting to the genetic material of the tumor cells, (in particular DNA by double strand breaks), are responsible for the destructive effect, thus preventing the tumor cell from proliferating (mitosis), or even leading them directly to apoptosis (death ). The optimal dose of radiation reaches> 90% tumor destruction with <5% serious side effects.
A reduction of the oxidative effects of free radicals, which can expose their damage in different districts than where the tumor mass can be obtained in the periods immediately after radiotherapy with antioxidants, such as Vitamin C, Zinc, Selenium, Lipoic acid (thioctic acid ) and more.
Particular attention deserves the protection of the immune system which, once weakened by free radicals and radiotherapy reduces its anti-tumor, antibacterial and antiviral activity with consequent further problems for the patient.

b) Immunostimulant
The immune system is a set of cells and tissues that has the function of defending the body from foreign agents such as bacteria, viruses, fungi but also from cells of the body that for some mutation take on a 'foreign' appearance, like cancer cells.
The main tools that the immune system uses to perform its functions are the lymphocytes (or white blood cells) that flow in the blood and lymph, thus reaching all areas of the body. The Natural Killer (NK) lymphocytes that have the role of destroying cancer cells are particularly important for their action against cancer.
A study by the University of Leeds (United Kingdom), published in Breast Cancer Research, investigated the effects of chemotherapeutic drugs on immune cells and antibodies, showing that the levels of some of these - B lymphocytes and a type of T lymphocytes , called T helper (CD4 + T) - remain altered even after nine months from the end of the therapy.
This results in the most common side effects of chemotherapy: myelosuppression (decrease in the production of blood cells, therefore also immunosuppression), mucositis (inflammation of the lining of the digestive tract) and alopecia (hair loss).
The study indicates that chemotherapy leads to an alteration of the cells of the immune system, which can last for more than 9 months. It has been known for years that patients receiving chemotherapy may be more susceptible to bacterial or viral infections due to the reduction of protective cells in their blood, and precautions in this regard are included in the treatment plans.
Not known was that the effect could last several months beyond the end of therapy.

The implications of this result may be different. The authors suggest that a decrease in B cells (cells that produce antibodies) and a reduction in antibody levels against some infectious agents (pneumococcus, tetanus) may result in less protection against infections even for prolonged periods after the end of treatment .
The growth of Natural Killers lymphocytes can however be stimulated by the intake of Echinacea purpurea and other subspecies of the family of this plant, as demonstrated by a study. (Natural killer cells from aging mice treated with extracts from Echinacea purpurea are quantitatively and functionally rejuvenated.) Currier NL1, Miller SC PMID: 10978684)
The increase mediated by Echinacea purpurea in the number of NK cells was in fact parallel with an increase in their anti-tumor lithic functional capacity.

Proantin

Uncategorized

Immunostimolation in Oncology

Immune system and tumors

The immune system is a set of cells and tissues that has the function of defending the body from foreign agents such as bacteria, viruses, fungi but also from cells of the body that for some mutation take on a 'foreign' appearance, like cancer cells.

The main tools that the immune system uses to perform its functions are the lymphocytes (or white blood cells) that flow in the blood and lymph, thus reaching all areas of the body. The Natural Killer (NK) lymphocytes that have the role of destroying cancer cells are particularly important for their action against cancer.

A study by the University of Leeds (United Kingdom), published in Breast Cancer Research, investigated the effects of chemotherapeutic drugs on immune cells and antibodies, showing that the levels of some of these - B lymphocytes lymphocytes and a type of T lymphocytes , called T helper (CD4 + T) - remain altered even after nine months from the end of the therapy.

This results in the most common side effects of chemotherapy: myelosuppression (decrease in the production of blood cells, therefore also immunosuppression), mucositis (inflammation of the lining of the digestive tract) and alopecia (hair loss).

The study indicates that chemotherapy leads to an alteration of the cells of the immune system, which can last for more than 9 months. It has been known for years that patients receiving chemotherapy may be more susceptible to bacterial or viral infections due to the reduction of protective cells in their blood, and precautions in this regard are included in the treatment plans.

Not known was that the effect could last several months beyond the end of therapy. The implications of this result may be different. The authors suggest that a decrease in B cells (cells that produce antibodies) and a reduction in antibody levels against some infectious agents (pneumococcus, tetanus) may result in less protection against infections even for prolonged periods after the end of treatment .

The growth of Natural Killers lymphocytes can however be stimulated by the intake of Echinacea purpurea and other subspecies of the family of this plant, as demonstrated by a study. (Natural killer cells from aging mice treated with extracts from Echinacea purpurea are quantitatively and functionally rejuvenated. Currier NL1, Miller SC. PMID: 10978684)

The increase mediated by Echinacea purpurea in the number of NK cells was in fact parallel with an increase in their anti-tumor lithic functional capacity.

Proantin

Uncategorized

Aggregating drugs

I farmaci antiaggreganti, detti anche farmaci antiaggreganti piastrinici o, più semplicemente farmaci antipiastrinici, sono una categoria di farmaci in grado di interagire negativamente con la funzione di aggregazione piastrinica, prevenendo così la formazione di trombi ed emboli di origine trombotica.

 

Action mechanism

I farmaci antipiastrinici possono agire attraverso tre meccanismi:

Principali farmaci

I farmaci maggiormente utilizzati sono:

In aggiunta si segnalano i seguenti farmaci ad uso endovenoso nelle procedure di angioplastica coronarica e poi, per i dodici mesi successivi alla procedura, somministrati per os (solo nel caso del prasugrel e del ticagrelor)

La dose di aspirina approvata dalla Food and Drug Administration (FDA) è di 325 mg/die. A tali dosaggi, l’aspirina inibisce la produzione di trombossano A2 per inibizione irreversibile della ciclossigenasi-1 piastrinica. Tale inibizione avviene per cessione del gruppo acetilico dall’acido acetilsalicilico alla ciclossigenasi. Il clopidogrel e la ticlodipina agiscono invece inibendo la reazione innescata dal legame ADP-recettore. Il dipiridamolo (un vasodilatatore) inibisce la captazione di adenosina e l’attività delle fosfodiesterasi del cGMP. Il cilostazolo inibisce le fosfodiesterasi e possiede un’attività vasodilatatrice analoga al dipiridamolo. Entrambi questi farmaci possiedono effetti avversi come:

In taluni casi è stata documentata la comparsa di porpora trombotica trombocitopenica.

L’abciximab è un anticorpo monoclonale chimerico anti recettore piastrinico GP IIB/IIIA.

L’integrelina e il tirofiban sono analoghi della sequenza carbossi-terminale del collagene.

 

Indicazioni terapeutiche

L’abciximab è approvato per l’impiego in corso di intervento coronarico percutaneo in caso di sindromi coronariche acute. L’aspirina a dosi di 325 mg/die viene utilizzata nella prevenzione secondaria in soggetti con una storia di accidenti vascolari. Il clopidogrel e la ticlodipina vengono utilizzati soprattutto in unità coronariche in pazienti con esiti di infarto acuto del miocardio e angina instabile. Il dipiridamolo può essere associato all’aspirina per la prevenzione di eventi vascolari secondari. Il cilostazolo è invece approvato nella terapia della claudicatio intermittens.

La complicanza di emorragie interne con esiti debilitanti o fatali derivante dalla combinazione di due o tre principi fra acido acetilsalicilico (ASA), clopidrogel e antagonisti della vitamina K, è stata analizzata da due vasti studi indipendenti, sia su pazienti senza precedenti malattie cardiovascolari, sia su over-30 ricoverati in ospedale a seguito di un primo infarto del miocardio, dimostrano che il rischio in ordine crescente è: sola ASA, associazione ASA-clopidrogel, K_antagonisti/ASA e k-antagoniti/clopidrogel, assunzione dei tre farmaci:

  • meta-analisi fino a Ottobre 2010, su 100.000 pazienti con uso continuo e prolungato di ASA a basse dosi (75-325 mg/die) senza precedenti malattie cardiovascolari: 30% di aumento rischio di sanguinamenti debilitanti o mortali, soprattutto gastrointestinali, ridotto con inibitori della pompa protonica (St George Hospital University of London, su Pubmed 21699808[1]);
  • analisi nei registri nazionali dal 2000 al 2005, su 48.000 pazienti danesi over-30, con un primo ricovero in ospedale per infarto al miocardio (Serensen et al, Copenaghen University Hospital Gentofte, Hellerup,, su Lancet, 2009, 374:1967-1974).
Uncategorized

Biotechnology

La biotecnologia (dal greco βίος, bìos = “vita” , τέχνη (téchne), “arte” nel senso di “perizia”, “saper fare”, “saper operare”, e λόγος, lògos = “studio”) è il ramo della biologia applicata riguardante «…l’utilizzo di esseri viventi al fine di ottenere beni o servizi utili al soddisfacimento dei bisogni della società». Ma anche l’applicazione e lo studio di qualunque tecnologia sviluppata o sviluppabile dall’uomo al campo della biologia.

Tra le definizioni disponibili, la più completa è indubbiamente quella stessa dalla Convenzione Diversità Biologica:

Alt text

Un Gel Documentation System con monitor di computer

La biotecnologia è l’applicazione tecnologica che si serve dei sistemi biologici, degli organismi viventi o di derivati di questi per produrre o modificare prodotti o processi per un fine specifico.

Nel linguaggio corrente, si utilizza più frequentemente il termine al plurale (biotecnologie), ad indicare la pluralità di tecnologie sviluppate e i relativi ambiti di applicazione.

 

Descrizione

Le biotecnologie rappresentano un metodo in più a disposizione dell’agricoltura: poiché esse rendono possibile l’inserimento nelle piante di specifici geni, anche provenienti da specie assai diverse, la cui funzione è nota per trasmettere le informazioni nelle generazioni successive. Il miglioramento genetico quindi non è altro che un sistema per ottimizzare la selezione naturale e accrescere il rendimento e la resistenza alle malattie. le biotecnologie non sono un’invenzione prettamente legata ai nostri tempi, bensì hanno origine ed impiego da molti secoli per la fermentazione del vino e della birra o per la lievitazione.

Numerose sono anche le applicazioni nel campo del biorisanamento (trattamento, riciclo e bonifica di rifiuti attraverso microrganismi attivi).

Vi sono applicazioni che, pur non servendosi di microrganismi, sono classificate come biotecnologiche. Le biotecnologie sono infatti ampiamente utilizzate nello sviluppo di nuove terapie mediche o innovativi strumenti diagnostici. Le tecniche di DNA e RNA microarray utilizzate in genetica ed i radiotraccianti utilizzati in medicina sono ottimi esempi.

Le biotecnologie nell’ingegneria genetica vede l’utilizzo di organismi geneticamente modificati. Microrganismi come Escherichia coli o alcuni batteri possono essere utilizzati per la sintesi di sostanze come insulina o antibiotici. Anche cellule di mammifero geneticamente modificate sono ampiamente utilizzate nella biosintesi di farmaci. Promettenti nuove applicazioni sono legate alla biosintesi di farmaci attraverso organismi vegetali.

Applicazioni al centro di ampio dibattito sono quelle atte alla produzione di animali e piante transgeniche (come il mais BT) noti a tutti come OGM.

Le biotecnologie hanno sostituito le società informatiche nel portafoglio dei titoli tecnologici quotati in borsa (NASDAQ). Delle 1300 aziende biotecnologiche che operano negli USA solo 35 (il 3 %) sono in attivo; le altre sono in perdita. Nonostante ciò i prezzi delle azioni sono in crescita, come ai tempi della bolla speculativa della Net Economy, dove i corsi azionari crebbero per tutti gli anni novanta per sgonfiarsi e tornare ai prezzi del decennio precedente.

Lo strumento principale di cui si avvalgono le biotecnologie, è l’ingegneria genetica. ovvero Manipolare il DNA per costruire nuova informazione genetica. Il DNA, la molecola di cui sono costituiti i singoli geni e gli interi genomi, può essere oggi rimodellato nei laboratori di ingegneria genetica. Attraverso manipolazioni ormai di uso comune si possono costruire nuovi geni e addirittura interi organismi fino a oggi inesistenti. Le tecniche d’ingegneria genetica consistono essenzialmente nell’isolamento del gene, nella sua identificazione e nella sua riproduzione in copie identiche (clonazione). Inoltre è possibile inserire nuovi geni nei genomi o eliminarli, creando così nuovi organismi detti transgenici. L’ingegneria genetica consente anche di fare diagnosi prenatali su embrioni e di rivelare eventuali malattie genetiche.

Principali ambiti d’impiego:

Settori biotecnologici

Le applicazioni biotecnologiche sono numerose. La seguente classificazione, molto generica, riporta alcuni settori come definiti nel gergo internazionale.

  • Blue biotechnology o “biotecnologie marine”.
    È il settore delle biotecnologie che si occupa di applicare le metodiche della biologia molecolare agli organismi marini e di acqua dolce. Riguarda l’utilizzo delle risorse marine allo scopo di: migliorare le conoscenze in ambito produttivo ed ecologico, potenziando la produzione di alimenti derivati e la loro salubrità; proporre nuove soluzioni per il controllo della proliferazione di organismi acquatici dannosi per l’uomo e l’ambiente; ricercare nuove molecole con potenzialità farmaceutiche.
  • Grey biotechnology o “biotecnologie ambientali”.
    È il settore delle biotecnologie che si occupa di tutte le applicazioni direttamente correlate all’ambiente. Queste possono essere suddivise in due gruppi: salvaguardia della biodiversità e protezione dai contaminanti. Il primo gruppo comprende le applicazioni della biologia molecolare alle analisi di genetica di quelle popolazioni e specie animali che fanno parte dell’ecosistema; per quanto riguarda il secondo gruppo, fa parte delle biotecnologie ambientali l’utilizzo di microorganismi e piante in grado di isolare e rimuovere dall’ambiente le sostanze ritenute inquinanti come per esempio metalli pesanti e idrocarburi. Un valore aggiunto di questa capacità di riutilizzo è la possibilità di recuperare e sfruttare le sostanze estratte dall’ambiente direttamente o attraverso sottoprodotti e scarti dei microorganismi e delle piante.
  • Green biotechnology o “biotecnologie agroalimentari”.
    È il settore delle biotecnologie che si occupa dei processi agricoli. L’applicazione più conosciuta è sicuramente il mais Bt, una pianta di mais modificata geneticamente in modo da produrre una tossina batterica, proveniente da Bacillus thuringiensis (da cui il nome Bt), tossica per gli insetti. In commercio esistono differenti varietà di coltivazioni in grado di resistere ad erbicidi o con maggiore resistenza alle malattie. Le applicazioni delle biotecnologie agroalimentari non si fermano alla semplice introduzione di proteine in un organismo vegetale, esistono modifiche che intervengono su intere vie metaboliche in modo da incentivare la produzione di metaboliti secondari (vedi golden rice o pomodori ricchi di antociani). Negli ultimi decenni sono state sviluppate delle vere e proprie produzioni di farmaci ricombinanti o vaccini in piante, soprattutto nei casi di farmaci orfani, in modo da facilitare la purificazione dei farmaci conseguentemente riducendo i costi di produzione. La patata Amflora, prodotta dalla multinazionale BASF, è invece un esempio di patata OGM utilizzata per produrre carta, quindi non per scopi alimentari. L’utilizzo in campo delle biotecnologie agroalimentari, se correttamente contestualizzata alle esigenze della società e del mondo agricolo, è importante per raggiungere incrementi di produttività soprattutto nelle aree dove gli eventi climatici avversi si verificano con intensità maggiore. La stabilizzazione delle produzioni attenuerebbe lo stress sulle scorte e la fluttuazione dei prezzi delle commodities, riducendo automaticamente la possibilità che gli individui più vulnerabili passino dalla condizione di povertà alla condizione di fame o sottonutrizione
  • Red biotechnology o “biotecnologie mediche, farmaceutiche e veterinarie”. È il settore delle biotecnologie che si occupa dei processi biomedici e farmaceutici. La nascita dei primi farmaci biotecnologici risale alla produzione di antibiotici con microrganismi, quali le penicilline prodotte da funghi del genere Penicillium e le cefalosporine prodotte da Cephalosporium acremonium. Negli anni ottanta, con l’introduzione della tecnologia ricombinate è stata possibile la produzione di insulina, su scala industriale, in un batterio chiamato Escherichia coli. Attualmente vengono prodotte un gran numero di proteine ricombinanti ad uso medico quali: fattori sanguigni (fattore VIII e fattore IX), ormoni (insulina ed ormone della crescita), fattori di crescita (Eritropoietina e HGFs), citochine (interferoni e interleuchine), vaccini e anticorpi monoclonali.
  • White biotechnology o “biotecnologie industriali”.
    È il settore delle biotecnologie che si occupa dei processi di interesse industriale. Le principali applicazioni in questo settore prevedono l’utilizzo di enzimi, cioè proteine deputate ad accelerare un data reazione chimica. Enzimi come emicellulasi, xilanasi, lipasi ed ossidasi sono utilizzati per migliorare la resistenza della rete del glutine nei processi di panificazione. Nella produzione di latte per bambini le proteasi sono utilizzate da più di 50 anni nella produzione di latte vaccino per neonati, dato che agiscono scindendo le proteine presenti nel latte, rendendo il latte più digeribile e diminuendo i problemi di allergie. Sempre nel settore lattiero-caseario, l’enzima beta galattosidasi è utilizzato per idrolizzare il lattosio e rendere il latte ad alta digeribilità. Nel settore dei succhi di frutta, gli enzimi pectinasi sono impiegati per scindere la pectina, un polisaccaride presente nella frutta, requisito fondamentale per ottenere succhi di frutta limpidi e stabili. L’enzima laccasi, appartenente alla famiglia delle ossidasi contenente rame, trovano impiego in differenti campi: candeggio dei jeans attraverso l’ossidazione del colore indaco, l’ossidazione di composti fenolici nella produzione di etanolo, chiarificazione di vino, birra e succhi di frutta. Nell’industria della carta l’utilizzo delle cellulasi, enzimi in grado di degradare la cellulosa, permette notevoli risparmi ambientali rispetto al tradizionale procedimento chimico.
  • Orange biotechnology o “biotecnologie educativo”. E la diffusione delle biotecnologie e formazione in questo settore. Esso fornisce informazioni e formazione interdisciplinare su argomenti di biotecnologie (ad esempio lo sviluppo di strategie educative per presentare temi biotecnologici come produzione di proteine ricombinati) per la società comprese le persone con esigenze particolari, come problemi di udito e / o visivo. Ha lo scopo di incoraggiare, individuare e attrarre le persone con vacazione scientifica e / o elevate capacità / giftedness per le biotecnologie.
  • Bioinformatica, come settore correlato alle biotecnologie. Si tratta di un settore interdisciplinare che utilizza un approccio informatico per risolvere problematiche di tipo biologico. Gioca un ruolo determinante nelle applicazioni di genomica funzionale, genomica strutturale e proteomica. Ha un ruolo fondamentale anche nello sviluppo di nuovi farmaci (drug discovery).

Corsi di laurea

Corsi di laurea e di laurea magistrale in Biotecnologie sono stati attivati presso molte università italiane e hanno l’obiettivo generale di assicurare allo studente un’adeguata padronanza di contenuti e metodi scientifici generali delle Biotecnologie. La maggior parte dei corsi di laurea prevede un percorso di tre anni e si conclude con un periodo di tirocinio e tesi, sperimentale o compilativa. Un corso di laurea di questo tipo, mira a far acquisire allo studente le competenze conoscitive, tecniche e comportamentali rilevanti per una moderna metodologia di studio e di ricerca, finalizzata all’utilizzo di funzioni e sistemi biologici per la produzione di beni e di servizi.

Oltre alle materie scientifiche di base (Matematica, Fisica, Chimica) la quasi totalità dei corsi di laurea in Biotecnologie prevede corsi in Chimica organica, Biologia molecolare, Genetica, Biochimica, Microbiologia, Citologia, Tecnologie del DNA ricombinante e materie specifiche che variano a seconda dell’indirizzo (i più comuni: Biomedico, Farmaceutico, Industriale, Ambientale, Veterinario, Agrario ed Alimentare). I corsi di laurea in Biotecnologie oltre a trattare problematiche propriamente biotecnologiche comprendono corsi dedicati alla conoscenza dei problemi economici ed etici, relativi al trattamento di prodotti biotecnologici.

Uncategorized

Spatial medicine

La medicina aerospaziale è una branca della medicina nata negli anni cinquanta con i primi lanci di esseri viventi nello spazio. L’uomo raggiunse l’orbita terrestre il 12 aprile 1961 con il volo del cosmonauta sovietico Yuri Gagarin. Da allora le missioni umane si sono fatte sempre più frequenti e durature, raggiungendo pure la superficie lunare nel 1969. A partire dagli anni settanta sono stati compiuti voli più lunghi e sviluppate stazioni spaziali nelle quali gli astronauti rimangono in orbita per settimane o mesi.

Vivere e lavorare nello spazio comporta alcune problematiche: l’assenza di peso, le radiazioni[1],[2] e l’irraggiamento solare, le difficoltà nell’espletare le necessità fisiologiche e nel curare l’igiene personale, il nutrimento sono alcuni esempi di contesti in cui si dedica la medicina aerospaziale.

Storia

el 1951 iniziarono i primi lanci di razzi con animali, specialmente cani, da parte dei sovietici, seguiti successivamente dagli statunitensi. Era iniziata la corsa allo spazio. Lo scopo principale di questi primi esperimenti era conoscere:

  • se le radiazioni nello spazio fossero così intense da essere mortali per l’uomo
  • come il corpo potesse resistere alle forti vibrazioni e alle forti accelerazioni e decelerazioni del lancio e del rientro.
  • come il cuore reagisse alle sollecitazioni
  • l’adattamento del sistema circolatorio, ossia sapere quale fosse la pressione sanguigna in assenza di gravità.

Neil Armstrong a bordo dell’Apollo 11.

Nel 1958 l’amministrazione Eisenhower decise la costituzione del National Aeronautics and Space Administration o NASA, l’ente spaziale americano, di cui Wernher von Braun fu il primo direttore.

Nel 1961 un pilota sovietico di velivoli sperimentali, Gagarin, tornò vivo dalla prima missione umana in orbita terrestre, dimostrando che per l’uomo era possibile sopravvivere nello spazio.

Il programma Mercury, nel 1962, portò a compimento il primo volo umano americano nello spazio con la missione Mercury-Atlas 6.

Nel 1969, il 21 luglio, Neil Armstrong fu il primo uomo a mettere il piede sulla Luna, con la missione Apollo 11.

Il Programma Saljut iniziò l’era delle stazioni spaziali.

Fisiologia della microgravità

Poiché nello spazio le funzioni del corpo umano non sono normali, è improprio parlare di fisiologia: in tali casi è più corretto parlare di adattamento.

Patologia spaziale

Sulla Luna e nella navicella spaziale, in condizioni di assenza di atmosfera protettiva e o in condizione di microgravità si producono alterazioni delle funzioni corporee che sono ancora in fase di studio. Le alterazioni note sono:

Alterazioni del sistema cardiovascolare

Nelle navicelle spaziali e sulla Stazione spaziale orbitante si ha un’alterazione della posizione del corpo rispetto al centro di gravità, il quale non esiste più e dunque la massa di liquido sanguigno si ridistribuisce in un modo diverso che sulla Terra. Mentre sulla Terra la gravità trattiene la maggior parte del liquido negli arti inferiori, nello spazio, non essendoci più la gravità, il liquido si accumula nel piccolo circolo polmonare e a livello della testa.

Quando gli astronauti tornano sulla Terra, i problemi avvengono nel momento del passaggio dalla microgravità alla gravità. Questo passaggio avviene durante i minuti in cui le navicelle rientrano nell’atmosfera. Il sangue dalla testa defluisce rapidamente negli arti inferiori e questo svuotamento improvviso del sangue dal cervello provoca una caduta breve e temporanea delle funzioni cerebrali, chiamata intolleranza ortostatica.[3] Il ritorno definitivo alla normalità comunque avviene in un paio di giorni. Sulla Terra questa patologia è chiamata ipotensione ortostatica.

Alterazioni dell’apparato muscolo-scheletrico

L’astronauta Frank De Winne si allena sul TVIS treadmill

Nello spazio in microgravità, si ha perdita di massa muscolare e perdita di matrice ossea[4]. Questa perdita è causata dalla mancanza dello statatismo corporeo, che è un riflesso automatico che tiene in piedi l’uomo sulla Terra. I principali sensori di questo riflesso sono nella pianta dei piedi e nelle gambe, dunque venendo a mancare la gravità, i muscoli non hanno più lo stimolo alla contrazione per mantenere l’equilibrio; essendo inattivi, si atrofizzano.

Un meccanismo d’azione simile a quello che agisce sui muscoli si ha anche per le ossa e in microgravità, si attua un meccanismo ormonale controllato dalla calcitonina, per cui l’osso diventa rarefatto, andando incontro ad osteoporosi.

Per contrastare il riassorbimento muscolare, gli astronauti sono invitati a fare molto esercizio fisico. L’osso è una struttura complessa formata da cellule che producono osso, gli osteoblasti e da cellule che lo distruggono, gli osteoclasti. Queste cellule sono appoggiate su una struttura trabecolare a base di calcio, che è la matrice ossea.

L’osteoporosi spaziale colpisce tutti gli astronauti, dissipando dal 30 al 70% dell’osso, a seconda della lunghezza del periodo passato nello spazio, ad un tasso medio di riduzione di circa il 1,2% di massa al mese.[5] È un fenomeno imponente e preoccupante che ha colpito tutti gli astronauti che sono rimasti nello spazio per periodi più lunghi di tre mesi.

Questa è una delle principali limitazioni attuali ad un viaggio spaziale verso Marte.

È attualmente (2005) allo studio la somministrazione di farmaci ormonali, come la calcitonina, per diminuire la portata di questa patologia, ma si ritiene che dia scarsi risultati.[6]

Alterazioni dell’apparato respiratorio

Oltre la congestione polmonare, che nei primi giorni di permanenza causa un disturbo respiratorio, con sensazione di soffocamento in alcuni astronauti ma poi per i meccanismi di adattamento si risolve spontaneamente, l’aumento di liquido nella testa provoca una congestione a livello nasale, con parziale ostruzione e corizza, che è un raffreddore senza infezione batterica o virale. Fastidiosa e molto accentuata per alcuni, quasi inesistente per altri. Guarisce al ritorno, quasi istantaneamente al momento del ritorno in gravità normale.

Alterazioni del sistema eritropoietico

Charles “Pete” Conrad sulla Luna, durante un’eruzione solare

I ricercatori stanno studiando quali parti del corpo di un astronauta sono più sensibili alle radiazioni solari. Gli astronauti all’interno di una struttura spaziale sembrano abbastanza schermati dalle radiazioni emesse dal Sole, specialmente durante le eruzioni solari ma gli astronauti protetti dalla sola tuta spaziale sono molto esposti alle radiazioni del Sole durante un’eruzione solare.

La protezione delle gonadi può essere la chiave di sopravvivenza della specie nello spazio. Gli spermatozoi sono le cellule più sensibili alla radiazione del vento solare e sulla Luna o nello spazio profondo, non essendoci atmosfera, non c’è protezione come sulla Terra, per cui in un caso di tempesta solare si temeva la possibilità di rimanere sterili o quantomeno di subire facilmente mutazioni genetiche a distanza di tempo, nella prole. L’altro organo molto sensibile è la tiroide, mentre gli altri organi sono più resistenti ai danni degli elettroni irradiati dal Sole, per esempio le unghie non sono assolutamente sensibili e quindi c’è meno bisogno di proteggerle.

Eritropoiesi ed eruzioni solari

Oltre alle anche, altre zone sensibili sono le spalle, la spina dorsale, le ossa delle cosce, lo sterno ed il cranio. Le ossa in queste zone contengono infatti il midollo osseo eritropoietico, ossia “la fabbrica del sangue” del corpo umano. Le delicate cellule del midollo osseo sono particolarmente vulnerabili alle tempeste solari; una dose importante dei protoni solari che scorrono attraverso il corpo può distruggere tutte le cellule eritropoietiche. Senza queste cellule che creano nuovo sangue, o meglio nuovi globuli rossi (detti anche eritrociti), una persona diventerebbe anemica entro una settimana. Per sopravvivere alle radiazioni di una tempesta solare, la priorità maggiore deve essere quindi proteggere il midollo osseo eritropoietico. La sopravvivenza all’emissione di radiazione durante le tempeste solari è più importante che mai, specialmente in previsione di future missioni a lunga durata.

Fuori della protezione del campo magnetico della Terra e con nessuna atmosfera ambientale di protezione, un astronauta che cammina sulla superficie lunare, o che lavora nello spazio al di fuori della stazione orbitante, è esposto in modo massiccio al flusso principale delle tempeste solari.

La soluzione migliore è mettersi al riparo nelle apposite strutture, ma, se il riparo è troppo lontano per poterlo raggiungere a tempo, è necessario portare una tuta spaziale con una protezione supplementare alle radiazioni che protegga le zone ricche di midollo rosso come le spalle, le anche, la spina dorsale; ciò può fare la differenza tra vivere e morire.

Applicare all’interno della tuta spaziale una protezione supplementare potrebbe tuttavia non essere pratico, perché la tuta spaziale diventerebbe troppo ingombrante. Gli astronauti devono potere camminare, saltare, piegarsi, estendersi per afferrare oggetti ed attrezzi. Troppa protezione renderebbe questi semplici movimenti impossibili, quindi si è pensato di utilizzare una protezione selettiva: uno strato di plastica come il polietilene, spesso soltanto 1 centimetro, posto nei punti chiave, può impedire la malattia acuta da radiazione.

Per tutte le eruzioni solari questi provvedimenti sono sufficienti per mantenere il sistema emopoietico dell’astronauta pressoché intatto. Se soltanto il 5% delle cellule del midollo osseo sopravvive, il midollo osseo potrà rigenerarsi e la persona sopravvivrà, senza bisogno di alcun trapianto. Un astronauta, così schermato, potrebbe sviluppare solo problemi di salute sul lungo periodo, quali tumori, cataratta ed altre malattie ad insorgenza tardiva. Nessuna tuta spaziale può arrestare tutti i protoni solari, tuttavia, se una sufficiente scorta di sangue rimane intatta, l’astronauta può sopravvivere anche abbastanza a lungo da potersi preoccupare per i danni a lungo termine.

Alterazioni del sistema immunitario

L’alterazione del sistema immunitario consiste in una diminuzione delle difese immunitarie. Inizialmente si supponeva che l’anomalia fosse causata dalle radiazioni, invece si è poi verificato che è causata da vari tipi di stress, lo stress da confinamento, lo stress da sospensione, genericamente chiamati stress da volo nello spazio.[7]

Alterazioni dell’apparato riproduttivo

Le alterazioni dell’apparato riproduttivo sono state studiate in vitro. Si è visto che lo spermatozoo e l’ovulo, quando incominciano a moltiplicarsi, non riescono a formare una struttura di suddivisione ordinata, che si chiama fuso, per cui la distribuzione della materia cellulare e dei cromosomi, avviene in modo caotico, concettualmente paragonabile alle produzioni tumorali.

Alterazioni del sistema nervoso

Lee Morin, a 386 chilometri d’altezza e in caduta libera alla velocità di 7 km/secondo, circa 25.200 km/ora

Le alterazioni del sistema nervoso non sono imponenti come la consunzione muscolare e l’osteoporosi, però sono causa di problemi che si ripercuotono, sia sull’attività lavorativa che nei rapporti con i colleghi.

Alterazioni del ritmo giornaliero circadiano

La navetta gira in orbite attorno alla Terra, ad una velocità talmente elevata, circa 27.700 km/hr a 354 chilometri d’altezza, che si può vedere sorgere e tramontare il Sole almeno 15 volte nel corso delle 24 ore.[8] Questo fenomeno, che può risultare affascinante, si trasforma in poco tempo in una «tortura»,[9] perché può sorgere il Sole quando ci si sta coricando oppure mentre si dorme può sorgere il Sole almeno altre due o tre volte nel giro di poche ore.[10] Le alterazioni del sonno comportano gravi problemi, come disattenzione e disturbi dell’umore.[11]

Inoltre va considerato che la pelle umana, ricca di melatonina, è sensibile alla luce ed è questa che regola il ritmo circadiano[12] e all’alba la luce dà il segnale del risveglio[13], dunque il sonno può essere molto disturbato, quando il ritmo circadiano luce buio non è più di 24 ore. L’altro problema legato al sonno è che il corpo è abituato, quando è sdraiato e i muscoli si rilassano, ad addormentarsi, mentre in microgravità questa sensazione è assente e, inoltre, gli astronauti sono costretti a legarsi al letto con delle cinghie (fattore che può essere insopportabile per alcuni astronauti) per potere dormire senza il rischio di muoversi galleggiando nell’aria.

Tolleranza umana all’accelerazione

In fase di decollo e durante il viaggio di andata, il corpo umano raggiunge gradualmente, in circa 10 minuti, per mezzo di una forte accelerazione, una velocità finale di circa 25.000-27.000 km/ora. Questa enorme accelerazione, non ha nessuna influenza sugli astronauti,[14] perché avviene gradualmente. Ugualmente al ritorno durante la fase di decelerazione.

Il sistema dell’equilibrio

Interazioni fra membri dell’equipaggio sulla Stazione Spaziale Internazionale

L’organo dell’equilibrio si trova nell’orecchio interno vicino all’organo uditivo. In questa struttura ossea ci sono due tipi di formazioni che forniscono informazioni sull’equilibrio del corpo. Uno è rappresentato dai canali semicircolari che sono deputati a dare le informazioni riguardo alla rotazione della testa nelle tre dimensioni dello spazio. L’altro è rappresentato dall’utricolo e dal sacculo che contengono gli otoliti e sono deputati a dare informazioni di accelerazione e decelerazione lineare in senso orizzontale e verticale rispettivamente. Nello spazio questi sistemi, che sono ancorati alla gravità, si adattano a funzionare in un altro modo. L’adattamento è soggettivo e al rientro alcuni astronauti hanno le vertigini.

Alterazioni della vita di relazione

A causa delle difficoltà a dormire, alcuni astronauti sono affetti da problemi del sonno, quali l’insonnia. L’insonnia può portare l’astronauta ad essere irritabile o perfino collerico e, quando l’insonnia diventa cronica, si possono manifestare gravi disturbi dell’umore, che vanno dall’euforia alla depressione.

Ricerca del 2015 sugli effetti della permanenza nello spazio

Mark Kelly, astronauta è rimasto per uno studio dal 2015 per un anno a terra perché il fratello gemello Scott Joseph Kelly, è stato designato per la missione della stessa durata nella Stazione Spaziale Internazionale assieme al cosmonauta russo Mikhail Kornienko. La partenza è prevista per il 27 marzo 2015. Sono stati così studiati gli effetti della permanenza nello spazio sul corpo umano, soprattutto delle radiazioni a livello genetico, confrontando i parametri biologici di Scott a fine missione con quelli del fratello rimasto sulla terra.

Uncategorized

Magnesium chloride

Il cloruro di magnesio è il composto inorganico di formula MgCl2. Esiste anche in varie forme idrate MgCl2nH2O; di queste, comune è l’esaidrato MgCl2 • 6H2O. In condizioni normali questi composti sono solidi incolori e inodori, tipici alogenuri ionici, molto solubili in acqua. In natura si trova in molte salamoie e laghi salati, nonché in vari minerali, tra i quali bischofite, MgCl2 • 6H2O, e carnallite, KCl • MgCl2 • 6H2O. L’utilizzo principale del cloruro di magnesio è nella produzione di magnesio metallico; è usato inoltre come additivo alimentare e in numerose altre applicazioni.

Struttura

MgCl2 è un composto ionico. La forma anidra cristallina ha una cella elementare tipo MgCl2, dove l’atomo di magnesio ha coordinazione ottaedrica. Esistono molte forme idrate di formula generale MgCl2nH2O, che perdono progressivamente acqua al crescere della temperatura: n = 12 (-16,4 °C), 8 (-3,4 °C), 6 (116,7 °C), 4 (181 °C), 2 (ca. 300 °C). Nella forma esaidrata lo ione Mg2+ ha ancora coordinazione ottaedrica, ma è legato a sei molecole d’acqua.

Production

Commercialmente il cloruro di magnesio si può estrarre da salamoie, dall’acqua di mare o dai minerali bischofite, MgCl2 • 6H2O, e carnallite, KCl • MgCl2 • 6H2O. Per queste vie si ottiene l’esaidrato MgCl2 • 6H2O; da questo si può ottenere il prodotto anidro con una varietà di processi industriali di disidratazione.

 

Il prodotto anidro si può ottenere anche trattando a caldo l’ossido di magnesio con coke e cloro:

MgO + C + Cl2 → MgCl2 + CO

MgCl2 si forma inoltre come sottoprodotto nel processo Kroll per la produzione di titanio metallico:

2Mg + TiCl4 → 2MgCl2 + Ti

In laboratorio si può ottenere cloruro di magnesio da idrossido di magnesio e acido cloridrico, o per reazione tra magnesio e acido cloridrico:

Mg(OH)2 + 2HCl → MgCl2 + 2H2O
Mg + 2HCl → MgCl2 + H2

Usi

Il cloruro di magnesio ha numerosissime applicazioni. La più importante è come materiale di partenza per la produzione di magnesio metallico per via elettrolitica ad alta temperatura:

MgCl2(l) → Mg(l) + Cl2(g)

Tra le altre applicazioni, è usato nella manifattura di tessuti, carta, materiali ignifughi e cementi. Mescolato con ossido di magnesio, forma il cemento magnesicico. Viene inoltre usato come agente flocculante nel trattamento delle acque.

Nell’industria alimentare è usato come regolatore di acidità, agente rassodante, esaltatore di sapidità e anti-agglomerante. Nell’Unione europea è l’additivo alimentare E511, senza limiti di utilizzo sia negli alimenti che nell’agricoltura biologica. Viene utilizzato anche nell’industria farmaceutica e cosmetica. Può essere utilizzato come coagulante nella preparazione del tofu.

Uncategorized

Felix Hoffmann

Felix Hoffmann (Ludwigsburg, 21 gennaio 1868Svizzera, 8 febbraio 1946) è stato un farmacista tedesco.

Si laureò in Chimica a Monaco di Baviera. Il 21 agosto 1897 realizzò l’acetilazione della morfina ottenendo l’eroina.

È noto soprattutto per aver sintetizzato l’acido acetilsalicilico il 10 agosto 1897 in una forma stabile per applicazioni medicinali. Charles Frédéric Gerhardt aveva in ogni caso, già nel 1853, sintetizzato tale composto, e ne aveva registrato in Francia il brevetto.

La Bayer registrò questa sostanza con il nome di Aspirina. Esiste comunque una disputa sull’ideatore del processo che portò alla sintesi della medicina. Nel 1949 Arthur Eichengrün pubblicò un articolo in cui sosteneva di essere colui che aveva pianificato e diretto la sintesi e di essere il responsabile dei primi test clinici. Infine dichiarò che il ruolo di Hoffmann sarebbe stato ristretto all’iniziale sintesi di laboratorio, basandosi sul progetto da lui ideato.

La versione di Eichengrün fu ignorata dagli storici e dai chimici fino al 1999, quando Walter Sneader del Dipartimento di Scienze Farmaceutiche della Università di Strathclyde a Glasgow esaminò il caso, arrivando alla conclusione che ad Eichengrün andasse il merito della scoperta.

Hoffmann il 21 agosto 1897 realizzò l’acetilazione della morfina ottenendo l’eroina.

Nel 2002 è stato introdotto nel National Inventors Hall of Fame.

Our molecules at your service.

Contact

en_USEnglish
it_ITItalian de_DEGerman fr_FRFrench es_ESSpanish fa_IRPersian en_USEnglish